Il percorso è diviso in tre parti: corto Km.15 , medio Km.19 lungo Km 30 con dislivello in salita di 850 mt. Il tracciato  che si snoda nella porzione meridionale del Comune di Manciano è adatto sia agli appassionati di mtb  agli amanti dei trekking nonché per le escursioni a cavallo. Partendo dal  parcheggio situato in Via  Martiri della Libertà si percorre P.za D.Alighieri, Cia Circ. Sud  immettndosi  in Via delle Fonti per uscire dal centro abitato. Per un tratto di circa un chilometro, il percorso si accavalla con quello segnalato dalla provincia di  Grosseto per poi dividersi .

Da qui, dopo un tratto di strada in pianura, si scende sino al torrente “Elsarella” e dopo 500 metri si gira a sinistra  verso la fattoria “Poggio Foco”.Oltrepassata questa, dopo circa 300 metri, il percorso si divide: a sinistra verso il percorso corto (in questo tratto si raggiunge il “Lago Scuro” interessante sito per la sosta di uccelli acquatici.

Proseguendo invece  diritto sulla strada asfaltata, il percorso giunge alla SP 67 “della Campigliola”, si gira a sinistra e dopo aver percorso la suddetta strada per un chilometro, sulla destra,  ci immette su una strada  vicinale che viene percora per 2 chilometri.Qui il percorso si divide di nuovo: a sinistra per il percorso medio che raggiunge la meta di Manciano con un tempo di 1 ora e 30 minuti  , mentre proseguendo a destra ci si incammina per il percorso lungo ( da qui alla meta 3 ore e 30 inuti) e dopo una salita impegnativa di 500 metri,  si  passa in mezzo ai boschi “del Pelagone” famosi per la caccia soprattutto  del cinghiale.Sul sentiero s’incontra il rudere del castello di Scarceta conosciuto anche come “Castellaccio del Pelagone” costruzione risalente all’inizio del XIII secolo.Il percorso raggiunge la SP n. 32 “ Manciano-Farnese” si gira a destra e dopo 200 mt a sinistra.

Da qui in avanti si percorre la valle del Fiume Fiora, un’area che per le sue caratteristiche naturali è stata inserita nel SIR “Alto corso del fiume Fiora” . Qui si trovano anche i resti del villaggio preistorico di Scarceta e quelli di una centrale idroelettrica di recente ristrutturazione risalente al 1898. Superata la valle del fiume Fiora la strada prosegue in  salita  per 3,5 chilometri e 200 mt dopo  aver superato L’agriturismo “Le Secchete”, in fondo alla discesa  si gira a sinistra , si  percorre   la strada  per  2 chilometri , girando poi a destra su una strada che  ritorna sulla SP n. 37.Dopo 500 mt. si raggiunge la meta .